News

Ti trovi in: Home  »  Salerno  »  Giardino della Minerva  »  Giardini della Minerva a Goteborg
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Giardini della Minerva a Goteborg


Salerno-Uppsala: nasce il gemellaggio tra gli antichi orti botanici in onore dei medici
Matteo Silvatico e Carlo Linneo


A Goteborg ospite dello stand Campania curato dall'E.P.T., la rappresentanza del Comune di Salerno ha incontrato l'omologa proveniente dalla città di Uppsala (terza per grandezza della Svezia). L'assessore al Turismo Vincenzo Maraio in rappresentanza del sindaco Vincenzo De Luca ed il Conservatore del Giardino della Minerva Luciano Mauro hanno ufficializzato, con la delegata al Turismo della città svedese Brita Zetterberg Blom, la sinergia che porterà al gemellaggio botanico tra le due città evoluto sul fortissimo legame rappresentato dalla presenza del primo orto botanico d'occidente (i Giardini della Minerva a Salerno) e del primo orto botanico d'Europa in età moderna (i giardini di Uppsala). "La comunità di Uppsala - ha detto Maraio - è entusiasta di poter stringere un rapporto così specifico con Salerno. Abbiamo gettato le basi perché gli scambi turistico-culturali inizino già a maggio quando una delegazione da Uppsala sarà ufficialmente ricevuta nel Salone dei Marmi". Il responsabile del progetto Salerno/Uppsala Luciano Mauro ha aggiunto: "Alla base del gemellaggio c'è la mostra sul medico svedese Carlo Linneo, inventore della classificazione botanica e del quale si sta festeggiando a Stoccolma il trecentennale della nascita, che sarà concretizzata a Salerno a settembre in collaborazione con l'orto botanico di Napoli e sotto l'egida dell'Enit della Svezia retto dal direttore Carlo Antonio Colaneri. In contemporanea nella storica biblioteca comunale Uppsala sarà esposta una omologa mostra sul salernitano Matteo Silvatico". "A settembre - svela Colaneri - l'Enit organizzerà la visita a Salerno di una serie di operatori turistici scandinavi del settore interessati alle evoluzioni di questo interessantissimo e qualificante gemellaggio culturale".
L'odierno incontro istituzionale è stato organizzato dall'amministratore dell'E.P.T. Gennaro Avella: "Ritengo la valorizzazione delle peculiarità culturali di Salerno e della regione Campania tra le migliori e più proficue strategie finalizzate ad accrescere l'interesse turistico della nostra terra all'estero".    

IL GIARDINO DELLA MINERVA - MATTEO SILVATICO
Il Giardino è ubicato nel centro antico di Salerno, lungo l'asse degli orti cinti e terrazzati che dalla villa Comunale salgono verso il Castello di Arechi. Proprietaria, fin dal dodicesimo secolo, fu la famiglia Silvatico di cui un componente, Matteo, tra il tredicesimo ed il quattordicesimo secolo si distinse come insigne medico della Scuola salernitana e profondo conoscitore di piante per la produzione dei medicamenti. Sua è l'Opus Pandectarum Medicinae, un lessico sui semplici per lo più d'origine vegetale, completato nel 1317 ed utilizzato nelle grandi università mediche fino alla metà del sedicesimo secolo. Il viridario di Matteo Silvatico, localizzato proprio nell'area attuale del Giardino della Minerva, fu destinato alla didattica (ostensio simplicium), oltre che essere luogo di sperimentazione ed acclimatazione delle piante; per queste ragioni è oggi considerato il precursore di tutti gli orti botanici del mondo. 

MATTEO SILVATICO E CARLO LINNEO
Quattro secoli di storia dividono due gradi figure di naturalisti europei che vissero un percorso umano e scientifico ricco di singolari analogie. Ambedue medici e profondi conoscitori della cosiddetta materia medica, ambedue personalità caratterizzate dea vasta cultura, singolari doti espressive, capacità di sintesi dei dati unita ad un non comune talento nell'organizzazione della ricerca, i loro scritti divennero essenziali per la codifica e la classificazione delle conoscenze sulle piante. In occasione dei trecento anni dalla nascita di Linneo, la municipalità salernitana intende promuovere i legami tra le due istituzioni che ne divulgano l'immagine attraverso la musealizzazione dei siti dove vissero ed operarono.        


LA CASA BOTANICA DI UPPSALA - CARLO LINNEO
Fu la palestra delle attività di ricerca del grande medico e naturalista Carlo Linneo (1707-1778). L'orto è alle dipendenze della Università di Uppsala, la più antica istituzione accademica del nord Europa. Qui Linneo fu direttore dell'orto botanico dal 1741 al 1778, concepì le tre grandi innovazioni nel campo delle discipline naturali: la scelta del sistema sessuale per la classificazione del regno vegetale, l'unificazione della terminologia e l'uso organico della nomenclatura binomia. La Casa della Botanica (Botaniska huset), dove visse ed operò Linneo, si è poi trasformata (1937) nel Lineaus Museum e relativo Lineeaus Garden: il luogo dove raccogliere nuovamente la documentazione scientifica originale e coltivare le circa 1300 specie studiate dal grande botanico svedese.


Responsabile del progetto: Dott. Luciano Mauro (conservatore del Giardino della Minerva)