News

Ti trovi in: Home  »  La Costiera  »  Tramonti  »  Casa del Gusto
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Casa del Gusto

Un concorso di idee per lo sviluppo e la gestione della nuova "Casa del Gusto" di Tramonti. A promuoverlo la Comunità Montana "Penisola Amalfitana", soggetto coordinatore del progetto. L'iniziativa, finanziata con 2,5 milioni di Euro, e avviata agli inizi dell'anno, vedrà completare i suoi lavori nel 2009. All'interno della "Casa del Gusto" sono previste un museo interattivo e multimediale, un'area didattica e formativa, spazi per la ristorazione e la degustazione dei prodotti tipici della Costa d'Amalfi: dalla pasta a mano ai formaggi, dai pomodorini alle arance, dallo sfusato amalfitano ai vini doc, dalle alici alla sfogliatella santarosa, ai liquori, e così via. 

"L'idea che guida il nostro progetto enoturistico" - sottolinea il presidente della Comunità Montana, Raffaele Ferraioli - "è quella di valorizzare anche le aree interne della Costiera amalfitana, che oggi ha un turismo concentrato per lo più sul mare. Mentre le aree interne sono soggette a fenomeni di spopolamento, che hanno ricaduta negativa anche sulla conservazione del paesaggio". In quest'ultima direzione si muove anche il potenziamento del sistema delle denominazioni di origine nel comparto vitivinicolo attraverso i progetti delle "Strade del Vino". Per quello della Costa d'Amalfi recentemente la Regione Campania ha stanziato 26.900,00 Euro. Il finanziamento, come evidenzia Salvatore Grimaldi, Assessore all'Agricoltura dell'Ente sovraccomunale di Tramonti, sarà rivolto alla realizzazione di iniziative, da parte del Comitato di Gestione "Strada del Vino Costa d'Amalfi", di sviluppo dello stesso itinerario vitivinicolo.

"I progetti "Casa del Gusto" e "Strada del Vino" in Costiera Amalfitana" - rileva Vittoria Schiavone, Assessore al Turismo della Comunità Montana, alla luce delle recenti esperienze al Biteg di Riva del Garda e al Cooking for Wine di Napoli - "suscitano sempre più l'interesse non solo degli esperti del settore, ma, e soprattutto, di visitatori provenienti da ogni parte del mondo".