News

Ti trovi in: Home  »  Salerno  »  Salerno
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Salerno


Salerno è una sintesi affascinante di quanto il Mediterraneo possa offrire a coloro che vogliano conoscerlo più da vicino. La città si propone sempre più come una comunità accogliente per i turisti e i visitatori di tutto il mondo. La sua provincia è la più estesa della Campania e assieme alla Costiera Amalfitana, all'area archeologica di PaestumĀ e al Cilento incontaminato, comprende anche l'ampia piana attraversata dal fiume Sele e dai suoi affluenti, e il Vallo di Diano. Dall'alto, nell'abbagliante cornice del mare e del cielo, Salerno è come aggrappata ai fianchi della montagna, in una posizione spettacolare sul golfo. La città divenne il centro più fiorente del Mezzogiorno con la conquista dei Longobardi nell'VIII secolo, in particolare con il duca Arechi II. Sede del Principato, Salerno conobbe un periodo di splendore, diventando anche un importante centro di studi con la celebre Scuola Medica Salernitana, la più antica istituzione medica dell'occidente. Dopo i Longobardi, furono i Normanni e poi gli Svevi a favorire la crescita della città, che si arrestò solo nel XVI secolo, quando il potere passò nelle mani degli Spagnoli. Nel settembre 1943 Salerno fu teatro dello sbarco degli alleati. Oggi Salerno è una città in piena rinascita, teatro di una trasformazione in città laboratorio, modello di rilancio urbano di rilievo internazionale.
Cuore della città è il quartiere medievale, la cui arteria principale è via dei mercanti. Le strade strette, oggi ricche di negozi, seguono le tracce dell'impianto urbanistico medievale, conservando splendidi palazzi d'epoca e gran parte dell'architettura religiosa. Fulcro della vita commerciale cittadina sono i quartieri ottocenteschi nei pressi del bel lungomare Trieste, uno dei più lunghi d'Italia, fiancheggiato da palme, dal quale si può godere la bella vista sul golfo. Un'oasi di verde è la villa comunale, il bel giardino pubblico di fianco al Teatro Municipale Giuseppe Verdi.

Fonte del testo: Guida Campania