News

Ti trovi in: Home  »  Il Cilento  »  Il Cilento  »  Costa del Cilento
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Costa del Cilento

COSTA DEL CILENTO

Oltre 100 km di costa dal Sele al Bussento, da Paestum a Sapri, presentano un aspetto continuamente cangiante: spiagge di sabbia fine, ampie ed attrezzate, tratti scogliosi e frastagliati con insenature e promontori, in un alternarsi di panorami dagli splendidi scorci, ricchi di richiami naturalistici e storici; grotte, caverne preistoriche, torri di guardia conferiscono un carettere unico ed irripetibile all'insieme, che continua a mantenere, laddove la costa non è stata presa d'assalto, un tono suggestivo, con una vegetazione lussureggiante che si alterna ad una solitudine riposante. Coste fino a poco tempo fa inapprodabili e spiagge, alcune ancora impervie, ospitano strutture ricettive e ricreative che hanno dato linfa vitale alla zona costiera: le tracce di antiche civiltà, quella greca, lucana, latina, aragonese, angioina, si confondono con i manufatti tipici del turismo imperante; il retaggio di ricordi classici è comunque tanto cospicuo da poter parlare, nonostante interventi non sempre opportuni. Le torri di guardia, frutto dell'azione di difesa delle popolazioni costiere contro le incursioni saracene, costruite dai privati e da università prima del 1566 e dopo questa data per ordine del Regno di Napoli, lungo tutto il litorale da Agropoli a Policastro, oggi occhieggiano attraverso qualche residenza privata o qualche night alla moda, oppure hanno lasciato sul terreno solo misere testimonianze; restano comunque soffuse di un vago romanticismo per quello che hanno rappresentato. Alcune di esse sono a pianta circolare o varia, quelle costruite da privati o dalle comunità locali, altre, quelle realizzate dal Regno, a pianta quadrata. La macchia mediterranea, proprio lungo la costa del promontorio compreso fra Agropoli e la Marina di Casalvelino, integra le piante aromatiche e spinose e le ginestre in formazione aperta con vari alberi, fra i quali, caratteristico del Cilento costiero, il pino d'Aleppo. Fra la foce del Mingardo e la Torre Ferone verso Marina di Camerota, c'è la pineta di S.Iconio, un lembo di pineta naturale a pino d'Aleppo, il più cospicuo ed il più interessante, forse l'ultimo di una certa consistenza della costa meridionale tirrenica.
La costa cilentana comincia da Paestum e finisce a Sapri, con un'offerta balneare di grande varietà: per chi cerca grandi spiagge sicure e mare limpidissimo, come per chi ama un turismo balneare più sportivo, fatto di esplorazioni in cale e grotte, di immersioni in fondali incontaminati. Tutto questo fra colline e montagne a picco sul mare, dove si annidano paesini incantevoli. Siamo lontani dalle affollate metropoli, qui si ritrova un mondo in cui si vive ancora all'antica, un universo i cui ritmi seguono quelli delle stagioni. Inoltre, tutto il Cilento è famoso per la gustosa cucina tradizionale, basata sui molti prodotti tipici, elaborati sulla base di ricette tramandate di madre in figlia. Si è creata così una varietà di piatti che sarà divertente confrontare nei vari paesini e nei moltissimi centri di agriturismo e bed & breakfast attivi nell'area.