News

Ti trovi in: Home  »  Provincia  »  Valle dell'Irno  »  PELLEZZANO
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

PELLEZZANO


PELLEZZANO

L'attuale territorio del Comune di Pellezzano ha vissuto tutta la storia del meridione, dalla civiltà degli etruschi a quella greco-lucana (come dimostra il complesso archeologico di Fratte), dall'avvento dei Picentini alla dominazione romana, come testimoniano la villa romana di Sava e i vari rinvenimenti in tutta la Valle, dalle invasioni barbariche alle incursioni saracene, dalla dominazione longobarda a quella borbonica. Col passare dei secoli, in questo territorio si erano formati Casali, di essi cinque incorporati nella Università di Salerno. L'origine di questi Casali è da collegarsi alle guerre gotico-bizantine, alle incursioni barbariche e alle lotte longobarde e normanne, allorquando, per ragioni di sicurezza, gli abitanti della costa trovarono rifugio nell'entroterra ricco di boschi e di anfratti. Ebbero costante collegamento con la città e con essa tennero comunità di interessi, scaturiti dall'arte della lana che vi fiorì a livello manufatturiero. All'Università di Salerno questi casali pagavano salate tasse, senza avere concreti vantaggi, così verso il 1816 inizia la lotta per la separazione dall'Università. Nel 1819 viene inoltrata una istanza al Ministro degli Affari Interni del regno delle Due Sicilie nella quale, si chiedevana la separazione dall'Università. L'istanza viene accolta, il Consiglio d'Intendenza della Provincia con deliberazione in data 3 febbraio 1819, la riconosce giusta e si pronuncia per il distacco dei casali dall'Università di Salerno. Nel dicembre del 1819 nasce così il Comune di Pellezzano, Il primo giorno dell'anno 1820 c'è una prima seduta e il giorno dopo una seconda presieduta quest'ultima dal primo Sindaco eletto nel Comune: Dott. Gaetano Pagliata. Prevalentemente agricolo in passato, con forte attività anche della pastorizia, il territorio ha visto nascere e svilupparsi l'arte qualificata della lavorazione della lana e della concia delle pelli. Molto indicativo lo stemma del Comune raffigurante una pecora su un pettine. Oggi queste attività sono scomparse del tutto, c'è una buona presenza artigianale e industriale, nei settori del legno, del marmo, del ferro e numerose attività commerciali che proiettano il Comune di Pellezzano oltre frontiera in una formidabile competizione internazionale. E' da ricordare il complesso industriale delle Manifatture Cotoniere Meridionali, a cui il nostro Comune ha fornito maestranze intelligenti e qualificate sin dall'inizio della sua attività, con la venuta, di Federico Wenner, proveniente dalla natia S. Gallo, in Svizzera, ricco di idee e di propositi. Cerniera della valle dell'Irno è un Comune posto in un punto strategico che permette coordinamento e collegamento tra la città di Salerno e l'entroterra ove sono insediati altri Comuni di dimensione demografica rilevante, tra cui Mercato San Severino. La spontaneità della gente, la tipicità della gastronomia, la presenza di immobili di alto valore storico e l'incontaminata natura che avvolge di verde le ridenti colline che circondano e sovrastano un territorio a terrazze, costituiscono i presupposti, d'estate, per un sereno riposo sia per gli emigranti che rientrano sia per coloro che trovano nella quiete e salubrità la linfa per una sana villeggiatura. Sono da visitare: la Chiesa di S. Anna a Pellezzano capoluogo, la Chiesa di Capriglia col suo "bel campanile", la Chiesa di S. Nicola di Bari a Coperchia. Un discorso a parte merita l'eremo dello "Spirito Santo" sulla collina omonima tra Capriglia e Pellezzano, di antica costruzione, forse perfino medievale, fu convento degli Agostiniani di Collereto.