News

Ti trovi in: Home  »  Salerno  »  Salerno Luci d'artista  »  Luci d'artista, Salerno torna a brillare
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Luci d'artista, Salerno torna a brillare

Edizione 2017 - 2018

Le luci d'artista a Salerno richiamano un quantitativo enorme di visitatori, sia dall'Italia che dall'estero. I dialetti e le varie lingue sono diventate ormai un classico del periodo natalizio nelle strade del centro cittadino. Certo è che Salerno è diventata una pregevole méta turistica, accogliendo i suoi estimatori anche d'estate e nelle altre stagioni, quando è ancora più piacevole lasciarsi andare a gite e passeggiate.

Dopo un inizio dove il fenomeno era più ristretto ad una cerchia locale, negli anni si è registrato un exploit delle presenze legate all'evento luci d'artista. Così il centro storico, le strade del centro, il corso ed anche il lungomare con la presenza dei pinguini, sono stati re - interpretati sotto una diversa luce catturando l'attenzione dei visitatori e stuzzicando sempre più l'interesse e la curiosità stimolando così un turismo in ingresso in un periodo piuttosto inusuale per una cittadina bagnata dal mare.

Ciò che riscontra il maggior successo tre le installazioni sembra essere sempre la villa comunale, ubicata tra Piazza Amendola ed il Teatro Verdi. Sarà per il tema delle favole che da sempre lo caratterizza, il quale appassiona tanto i bambini quanto moltissimi genitori, o forse per il piacevole connubio tra le luminarie ed un passeggio nel verde pubblico, molte persone, tra le quali anche Google maps , finiscono quasi con l'identificare tutta la manifestazione "luci d'artista" con lo spazio verde nel cuore di Salerno.Quest'anno, il tema scelto sarà "lo zoo che vorrei" con i vari animali, ovviamente illuminati, pronti ad incantare ancora una volta il pubblico.

Per rifuggire dagli equivoci, occorre sottolineare che questo articolo non vuole essere una fonte di informazione su tariffe ed orari di fruizione dei servizi legati all'evento, né tantomeno sui trasporti o parcheggi pubblici, ai quali si rimanda comunque alla pagina ufficiale della manifestazione www.lucidartistasalerno.com. Vogliamo però arricchire le informazioni a disposizione del turista, facendogli capire che oltre le luci d'artista, Salerno è davvero una città meravigliosa, con un patrimonio storico millenario, attraversata da diverse culture, e che è pronta a mostrarsi in tutte le sue bellezze e particolarità.

Ci sarà poi la ruota panoramica che tornerà a girare nel sottopasso di piazza della Concordia. Che sia o meno la più alta del mondo, ciò che è certo è la sua enorme carica di adrenalina che profonde al solo guardarla. Sia di giorno, con una magnifica vista sul lungomare e sul golfo di Salerno, sia di sera, con le installazioni artistiche ad illuminare la città, il tour sulla ruota panoramica è pronto ad impreziosire la vostra visita. Vi assicuriamo che i vostri 5 minuti di giri a 60 metri di altezza li ricorderete per lungo tempo.

E' innegabile che come tutte le manifestazioni con un richiamo da metropoli, vi siano dei disagi legati all'enorme flusso di visitatori. Scarsità di parcheggi a ridosso del centro storico, caos a muoversi perfino a piedi nei giorni di maggior affluenza (in pratica ogni weekend che va dall'Immacolata fino all'Epifania), maggior inquinamento ed accumuli di stress possono essere degli inconvenienti cui far fronte. Bisogna dunque munirsi di un pizzico di determinazione ed un bel bagaglio di pazienza. Basti pensare alle file spropositate, ed al relativo tempo impiegato, per accedere ad una partita di calcio, ad un concerto o all'area archeologica di Pompei. D'altronde, l'attesa di un bel momento, è essa stessa un piacere!

Merita inoltre attenzione, oltre alle attrattive storico culturali di Salerno, la mostra su "Leonardo da Vinci, il genio del bene", realizzata dal maestro Mario Paolucci sui progetti originali del visionario fiorentino. Oltre alla mostra in sé, i visitatori potranno ammirare uno storico palazzo di Salerno, e di fronte a questi, il complesso di San Pietro a corte, un autorevole gioello nel centro storico, in modo da arricchire culturalmente la propria permanenza, ed apprezzare Salerno anche sotto un altro punto di vista, lontano dalle luci artificiali e sotto l'egida del patrimonio storico – artistico avuto in eredità.

Francesco Formisano