News

Ti trovi in: Home  »  Itinerari  »  Salerno - Caserta
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Salerno - Caserta

Salerno - Caserta : Km 83

L'itinerario parte dal Museo Archeologico di Salerno,
per terminare a Caserta nella splendida Reggia dei Borboni.

Salerno - Il Museo Archeologico Provinciale
Parte del Museo è ospitato nel complesso monumentale dell'Abbazia di San Benedetto (rifacimento di Alfano, Arcivescovo di Salerno - sec. XI) di cui occupa un'ala dell'antico quadriportico (l'attuale piano terra del Museo) e parte dell'ex Real Castelnuovo, edificio Quattrocentesco, modernamente restaurate, che dona all'ambiente della conservazione museale, un che di altamente nobile e suggestivo.
Al primo piano, in vetrine addossate al muro e locate al centro tra le colonne, si possono ammirare reperti che vanno dal Paleolitico all'età del Ferro, fino al quarto secolo a.C. Si tratta di materiali preistorici provenienti dalle grotte di Palinuro, Pertosa e Polla.
Corredi sepolcrali : vasi, utensili, provenienti dal circondario di Salerno : Pontecagnano, Sala Consilina, databili all'età del Ferro. Notevole il materiale portato alla luce da una tomba scavata a Monte Pruno (Roscigno) : vasellame dipinto, oggetti bronzei e d'oro databili intorno al V-IV sec. a.C.
Il secondo piano è riservato al ricco e stupendo materiale proveniente dal centro etrusco di Fratte, insediamento del V-VI sec. a.C. Grandiosi vasi attici dipinti con figure narranti fatti dell'epopea greca. Vasi di bucchero e di bronzo. Tra le terrecotte architettoniche, da ammirare il bellissimo clipeo frontonale, scolpito di un Ercole in lotta con il leone Nemeo.
Sempre al secondo piano, un'altra sezione è dedicata alla Salerno romana, di cui si conservano epigrafie, busti, lucerne, databili dal II sec. a.C fino alla tarda romanità. In bella mostra un'attraente testa in bronzo, riferita ad Apollo, di fattura campana del I sec. a.C., ripescata dalle acque del golfo di Salerno nel 1930.
In un angolo del secondo piano è allestita una collezione di monete, in medaglieri ben leggibili, dell'epoca romana (dalla Repubblica all'Impero) e di epoca medievale, molte rinvenute dagli scavi al Castello di Arechi.

Caserta
Caserta vecchia fu costruita dai Longobardi, poi passò ai Normanni e infine fu proprietà di parecchi feudatari.
Caserta nuova fu costruita intorno alla Reggia (10 km da Caserta vecchia), fatta erigere dal 1752 da Carlo III di Borbone su progetto di Luigi Vanvitelli, che si ispirò alla Reggia francese di Versailles.

La Reggia
, maestosa, imponente, perfino elegante nella sua struttura da fortilizio, gode della spazialità unica di un cielo azzurro e di un clima dolce. Il parco-giardino che le si stende dietro, lungo 3 km, coi viali alberati, con fontane, vasche, gruppi marmorei, sentieri, cascate, fa da pendant all'aperto degli interni damascati e dorati dell'alloggio Reale.

Testi di Pinuccio Duccilli