Praiano e Vettica Maggiore

Pubblicato da claudio il

Praiano e Vettica Maggiore, situati a metà strada tra Positano e Amalfi, sono due centri antichi come tutti i paesi della Costiera Amalfitana, che si estende da Vietri sul Mare fino a Positano. Praiano, l’Antica Plagianum, guarda a levante e gode la bellezza dell’aurora col sorgere del sole al mattino e della luna alla sera, mentre Vettica Maggiore guarda a ponente, con il tramonto sui faraglioni di Capri. Praiano viene da sempre ricordata come una borgata di pescatori poiché fino a pochi decenni fa la pesca costituiva l’unica risorsa di vita per i suoi abitanti. Anticamente l’abitato era molto vicino al mare, ma a  causa di calamità naturali, come maremoti, pestilenze e aggressioni da parte degli arabi e dei turchi (detti saraceni), per ragioni di sicurezza, il nucleo abitativo fu spostato più in alto e la nostra costa fortificata, durante il periodo angioino, con torri di avvistamento e poi con torri di difesa durante il periodo vicereale. I Praianesi, costruirono le loro case con volte a botte, a crociera, adagiandole come nidi di aquile sfruttando, come meglio potevano questi posti, a tratti ostili e degradanti verso il mare. Crearono terrazzamenti con mura di pietre locali, realizzati a secco per il drenaggio dell’acqua e adibiti per vari tipi di coltivazioni. Così la maggior parte della popolazione, oltre alla pesca, divenne esperta nella coltivazione di agrumi, di patate, di pomodori, di vari tipi di legumi, di vite, di grano, di orzo. Non a caso, lo stemma del comune di Praiano è ornato da ben tre arance. Nel periodo angioino, Praiano ebbe l’onore di essere elevata a titolo di “Universitas”, che veniva conferito ai paesi che avevano una certa autonomia e prestigio pur rimanendo però, sempre aggregata ad Amalfi fino al sec. XVII contribuendo alle funzioni fiscali. Tanto che, da atti notarili del IX e X sec. , troviamo molte famiglie patrizie amalfitane proprietarie di case e terreni sia a Praiano che nella frazione di Vettica Maggiore. Altre attività redditizie praticate nei secoli a dietro erano: l’arte della seta e quella del filo ritorto, la filatura e la sbiancatura del lino, la lavorazione dei capelli e delle reti per la  pesca. Gli uomini, oltre ad essere dei bravi pescatori, marinai e contadini, erano anche abili corallari, tanto da essere molto richiesti dalle “coralline” di Torre del Greco in provincia di Napoli, di ciò sia hanno notizie sin dal 1400. Un tempo il centro dell’economia del paese, era lo storico borgo di Marina di Praia, dove si svolgevano diverse attività come la costruzione delle barche, la produzione di reti da pesca, il filo filato, la salatura delle alici e delle sardine, la realizzazione del cordame con il “libano” (vegetale che si trova in tutta la costa), e lo smercio del legname che qui giungeva tradotto con teleferiche da Agerola per poi essere imbarcato e venduto sulle coste africane.  Nel 1924 una terribile alluvione distrusse quasi totalmente Marina di Praia. Marina di Praia e la Cala della Gavitella , l’altra spiaggia di Praiano, erano anche luoghi di approdo muniti perciò di diversi “magazzini” dove veniva depositata la merce (farina, pesce, grano, materiale edile, etc.) per il fabbisogno della popolazione. Altro elemento che caratterizzava Praiano e Vettica Maggiore era la presenza di numerose chiese dislocate su tutto il territorio: se ne contavano circa 15 più altrettante relative cappelle inglobate nelle case gentilizie. Nella frazione di Vettica Maggiore, nella metà del 1500 fu edificata la chiesa di San Gennaro e a Praiano, verso la fine del 1500, quella invece dedicata a San Luca Evangelista.

Tratto dal libro: “La Memoria nell’immagine, Praiano viaggio nel Passato” di Giovanni Scala.

Informazioni e foto, gentilmente concesse dall’ufficio informazioni turistiche di Praiano

MARINA DI PRAIA
La parte bassa di Praiano si allunga verso la Marina di Praia, l’unico punto di approdo raggiungibile in auto della Antica Plagianum,  con la spiaggia scavata tra due alte pareti di roccia, allo sbocco dell’aspro vallone di Praia. A guardia della Marina  si trova sul promontorio la Torre a Mare, di origine medievale e al di sotto, l’incantevole sentiero della Scogliera di Praia, denominata dal FAI “Luogo del Cuore”.  Lungo questa suggestiva stradina, è possibile ammirare la costa fino a Conca De Marini, la Costa di Praiano e sul fondo lo scoglio dell’Isca. Oggi Marina di Praia è un’apprezzata località balneare, attrezzata con night club, ristoranti dove poter mangiare dell’ottimo pesce appena pescato, alberghi e stabilimenti balneari. Con brevi escursioni in barca, è possibile inoltre visitare la costa nei dintorni, in particolare le suggestive Grotte di Suppraiano, la Grotta dell’Africana; raggiungere Cala della Gavitella, la scogliera di Torre di Grado e la solitaria spiaggia “Le Praie”.

CALA DELLA GAVITELLA
Poco distanti dal centro di Vettica Maggiore, scendendo verso il mare, si trovano la scogliera Torre di Grado, torre costruita dagli Spagnoli nel periodo del Viceregno e la Spiaggia della Gavitella  nella cala omonima, con approdo, stabilimenti balneari e ristoranti. Per la sua felice esposizione ad ovest con vista su Positano e Capri e l’isola de “Li Galli”, la Gavitella è l’unica spiaggia della costiera amalfitana illuminata dal sole fino al tramonto. Nei pressi della Gavitella c’è la “Fontana dell’Altare”; una piscina naturale ricavata nell’antro di una grotta. Dalla spiaggia è possibile visitare la costa via mare, raggiungere Marina di Praia e la solitaria spiaggia “Le Praie”. In quest’ultima caletta, la vegetazione e le rocce sembrano quasi protendere verso le limpidissime acque del mare. È splendido il panorama che si gode da questo luogo.

Testi: Associazione Pelagos – Praiano

LE TORRI
Sin dai tempi antichi (IX – X sec. circa) la nostra costa è stata sempre facile preda  di criminose scorrerie da parte di popoli conquistatori: arabi, musulmani, turchi. Le torri nacquero proprio dall’esigenza di difendere e proteggere dagli attacchi nemici la nostra costa. Fu necessaria, quindi la costruzione lungo il litorale di una serie di Torri poste a non troppa distanza l’una dall’altra e in prossimità di luoghi d’approdo come ad esempio: la Cala della Gavitella, la Cala di Grado, lo Scaricatoio e l’approdo della Praia, per poter segnalare immediatamente l’arrivo dei predoni e di conseguenza consentire alla popolazione di mettersi in salvo trasferendosi verso le alture del paese. Alcune di queste di torri sorsero grazie al programma di fortificazione voluto dal Viceré Don Pedro de Toledo, per ordine dell’imperatore Carlo V, nel 1528 circa. Quest’ultimo ordinò che le torri avessero una forma cilindrica e fossero munite di uno o più cannoni. La “Torre a Mare” fu, infatti, costruita in questo periodo. Annoverata come una delle più belle torri della Costa d’Amalfi, ha forma conica su pianta circolare. La struttura della Torre è composta di roccia calcarea. La Torre denominata “de lo Grado” sita nella frazione di Praiano Vettica Maggiore e le altre, furono invece costruite al tempo del Viceré Don Parfan de Ribera duca d’Alcalà nel 1566/67 ca. Verso la fine del 1700 la “Torre a Mare” e con essa tutte le altre furono private degli armamenti. Avendo ormai perduto la propria funzione strategica, non furono più utilizzate e date quindi in locazione o vendute a privati dal comune o dal demanio.

Tratto dal libro: “La Memoria nell’immagine, Praiano viaggio nel Passato” di Giovanni Scala.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi